Protagonisti di oggi per ideare il domani

Il Centro Risorse Nazionale è l'organismo di osservazione, progettazione, ricerca e sviluppo di ENGIM a supporto della direzione nazionale e delle sedi regionali.

Dall'accoglienza all’inclusione

Favorire l'inclusione del singolo come elemento unico e fondamentale di un processo di crescita e cambiamento.

Dall’ossevazione alla contaminazione

Guardare al nuovo come risorsa, al diverso come possibilità. Un punto di osservazione in cui l’apertura, l'incontro e lo scambio costruisce un'umanesimo nuovo, che nasce dai prestiti di culture differenti.

Dalle connessioni alle relazioni

Ritrovare una nuova socialità fatta di relazioni autentiche, di dialogo aperto e collaborativo per il raggiungimento di obiettivi comuni

News

  • Image
    Oltre un milione di opportunità di lavoro entro marzo 2019

    Sono circa 44 2mila i contratti previsti dalle imprese nel mese di gennaio e saliranno a circa 1,2 milioni nei primi tre mesi del 2019. Sono queste alcune delle informazioni raccolte dall'ultima Indagine Excelsior realizzata da Unioncamere in accordo con Anpal. Approfondimento Tra gennaio e marzo 2019, alcuni settori come la moda, la metallurgia e la meccatronica e la chimica - farmaceutica, nel manifatturiero, e la filiera del turismo, nei servizi, si muoveranno in controtendenza, con aumenti delle posizioni lavorative messe a disposizione rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.  Cresce, in termini percentuali, il fabbisogno da parte delle imprese delle professioni di elevata specializzazione e dei tecnici (dal 24% al 26% del totale delle entrate programmate), così come degli operai specializzati (dal 30,3% al 31,3%), mentre si riduce il peso delle professioni non qualificate (dal 14,2% al 12,6%) e delle professioni impiegatizie, commerciali e nei servizi (dal 31,5% al 30,1%). Proprio questa ricomposizione della domanda di lavoro intorno a profili più qualificati spiega l’aumento di 6 punti percentuali della difficoltà di reperimento (dal 25% di gennaio 2018 al 31% di gennaio 2019). Per ulteriori dettagli consulta il bollettino di gennaio

    Continua a leggere
  • Image
    Giovani: nuovi narratori e attori della cooperazione allo sviluppo

    Giovani: nuovi narratori e attori della cooperazione allo sviluppo è l’iniziativa nazionale di Educazione alla Cittadinanza Globale cofinanziata dal Ministero Affari Esteri, con capofila OXFAM Italia e attuata da 29 organizzazioni in 69 province di tutte le regioni italiane. ENGIM è il referente per le Regioni Veneto, Lazio e Sicilia Approfondimento Il progetto si prefigge di aumentare la consapevolezza e l’impegno attivo dei giovani (11-35 anni) italiani nel riconoscere nella cooperazione allo sviluppo una soluzione alle sfide globali di povertà, in particolare quelle connesse alle cause del fenomeno migratorio. L’iniziativa si prefigge di progettate e realizzare laboratori didattici che hanno lo scopo di raggiungere un maggior consenso, esplicitando temi quali la povertà estrema gli effetti dei cambiamenti climatici (siccità, desertificazione) la sicurezza alimentare il lavoro come opportunità e metodo di sostentamento delle famiglie  la competizione per il land e water grabbing, le disuguaglianze  la mancanza di accesso ai servizi sanitari ed educativi. Condizioni di privazione che impattano sulle capacità di sopravvivenza delle persone nel proprio paese, che si trovano costretti a trovare soluzioni alternative, che spesso coincidono con la migrazione. Un percorso formativo, dunque, per comprendere e vedere le connessioni che esistono tra i grandi problemi che la comunità internazionale deve affrontare per un futuro umano e sostenibile e che rende indipendente il singolo ad agire per innescare un cambiamento, attraverso relazione di cooperazione e scambio culturale

    Continua a leggere
  • Image
    Campagna televisiva ENGIM Veneto

    ENGIM Veneto, il nuovo spot tv degli Istituti professionali racconta una scuola straordinaria Approfondimento Parte la nuova campagna di comunicazione di ENGIM Veneto. Da dall’8 al 31 gennaio 2019 è andato in onda nelle principali reti televisive locali il nuovo spot televisivo che vede i diversi Istituti protagonisti. Suggestive le inquadrature delle scuole del Veneto, dei ragazzi, dei laboratori didattici e dell’esperienza di vivere la scuola come momento di socializzazione e apprendimento. Obiettivo della campagna è rilanciare i corsi professionali co una scuola che unisce il sapere con il saper fare, vero valore aggiunto di questa offerta formativa. Il claim scelto è: “ENGIM Veneto. Tutto quello che vorrai essere inizia QUI”, un’affascinante narrazione del mondo della scuola come ipotesi di futuro per i nostri giovani. Una fatica - quello dello studio - che viene ricompensata dalla possibilità di inseguire un sogno raggiungibile, da realizzare nel proprio territorio di origine. L’iniziativa si inserisce nel nuovo percorso di comunicazione integrato finalizzato al rilancio dell’identità ENGIM Veneto, con una nuova linfa più moderna e maggiormente contestualizzata al target di riferimento dei ragazzi e delle loro famiglie. Guarda lo spot ENGIM Veneto su YouTube

    Continua a leggere
  • Image
    7 soft skills per trovare lavoro: le attitudini personali come valore aggiunto

    Nella ricerca del lavoro, le soft skill acquistano sempre maggior importanza perchè riguardano tutte le “competenze trasversali”, le doti personali che raggruppano le relazioni interpersonali e il modo in cui confrontarsi nei diversi ambiti, quello lavorativo in primis. Approfondimento Le soft skills non si imparano, dunque, ma l’attività formativa deve e può aiutare a sviluppare queste abilità Soft-skills: quali sono le più richieste? Il report SKILLA 2018 evidenzia 7 principali soft-skill richieste dalle aziende: COLLABORATIVE PROBLEM SOLVING: Il problem solving collaborativo riguarda persone che lavorano in team e riguarda le abilità necessarie per la ricerca di una soluzione ad un problema. Sono gruppi che condividono un problema/impegno comune e, condividendo metodi di lavoro, esperienze e competenze, concorrono insieme alla risoluzione dei problemi LEARNING TO LEARN: 'Imparare a imparare’ o “continuare ad imparare” è la capacità di perseguire e persistere nell'apprendimento, acquisendo, elaborando e assimilando nuove conoscenze e abilità.  DIGITAL COMPETENCIES AND MINDSET: non si tratta di conoscere i programmi o le competenze digitali attuali, ma sviluppare una nuova forma mentis orientata alle trasformazioni future, che conosce le odierne tecnologie ma soprattutto che comprende le veloci trasformazioni digitali RESILIENCE: la resilienza è la capacità di affrontare e superare un periodo di difficoltà senza interferire con la produttività. Indispensabile nel mondo del lavoro, la flessibilità emotiva - la resilienza appunto - aiuta ad affrontare situazioni insolite assumendo comportamenti diversi in base al cambio delle regole o del tipo di compito da svolgere CULTURAL AWARENESS AND EXPRESSION: la consapevolezza culturale ed espressiva riguarda l’apprezzamento dell’espressione creativa di arte, idee ed emozioni. Comprende la consapevolezza del patrimonio culturale, artistico e musicale: questo rafforza il proprio senso di consapevolezza del sè nel confronti dell’altro, con un atteggiamento positivo e di apertura nei confronti delle diversità ADAPTABILITY: si tratta della capacità di adattarsi con facilità alle novità e i cambiamenti INIZIATIVE E INDIPENDENT THINKING: si riferisce allo spirito critico e alla padronanza di sviluppare un pensiero indipendente che promuova soluzioni ai problemi tenendo in considerazione il contesto in cui è inserito. Permette di non accontentarsi della prima soluzione, ma cercare, verificare e capire punti di vista diversi fino a giungere teoricamente ad una sintesi equilibrata Le soft skills si possono apprendere o migliorare? Non è necessario possedere tutte le soft-skill perchè molte di esse potranno essere acquisite nel corso della propria vita attraverso le esperienze lavorative e personali che ci si trova ad affrontare.

    Continua a leggere
  • Image
    Oltre un milione di opportunità di lavoro entro marzo 2019

    Sono circa 44 2mila i contratti previsti dalle imprese nel mese di gennaio e saliranno a circa 1,2 milioni nei primi tre mesi del 2019. Sono queste alcune delle informazioni raccolte dall'ultima Indagine Excelsior realizzata da Unioncamere in accordo con Anpal. Approfondimento Tra gennaio e marzo 2019, alcuni settori come la moda, la metallurgia e la meccatronica e la chimica - farmaceutica, nel manifatturiero, e la filiera del turismo, nei servizi, si muoveranno in controtendenza, con aumenti delle posizioni lavorative messe a disposizione rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.  Cresce, in termini percentuali, il fabbisogno da parte delle imprese delle professioni di elevata specializzazione e dei tecnici (dal 24% al 26% del totale delle entrate programmate), così come degli operai specializzati (dal 30,3% al 31,3%), mentre si riduce il peso delle professioni non qualificate (dal 14,2% al 12,6%) e delle professioni impiegatizie, commerciali e nei servizi (dal 31,5% al 30,1%). Proprio questa ricomposizione della domanda di lavoro intorno a profili più qualificati spiega l’aumento di 6 punti percentuali della difficoltà di reperimento (dal 25% di gennaio 2018 al 31% di gennaio 2019). Per ulteriori dettagli consulta il bollettino di gennaio

    Continua a leggere
  • Image
    Giovani: nuovi narratori e attori della cooperazione allo sviluppo

    Giovani: nuovi narratori e attori della cooperazione allo sviluppo è l’iniziativa nazionale di Educazione alla Cittadinanza Globale cofinanziata dal Ministero Affari Esteri, con capofila OXFAM Italia e attuata da 29 organizzazioni in 69 province di tutte le regioni italiane. ENGIM è il referente per le Regioni Veneto, Lazio e Sicilia Approfondimento Il progetto si prefigge di aumentare la consapevolezza e l’impegno attivo dei giovani (11-35 anni) italiani nel riconoscere nella cooperazione allo sviluppo una soluzione alle sfide globali di povertà, in particolare quelle connesse alle cause del fenomeno migratorio. L’iniziativa si prefigge di progettate e realizzare laboratori didattici che hanno lo scopo di raggiungere un maggior consenso, esplicitando temi quali la povertà estrema gli effetti dei cambiamenti climatici (siccità, desertificazione) la sicurezza alimentare il lavoro come opportunità e metodo di sostentamento delle famiglie  la competizione per il land e water grabbing, le disuguaglianze  la mancanza di accesso ai servizi sanitari ed educativi. Condizioni di privazione che impattano sulle capacità di sopravvivenza delle persone nel proprio paese, che si trovano costretti a trovare soluzioni alternative, che spesso coincidono con la migrazione. Un percorso formativo, dunque, per comprendere e vedere le connessioni che esistono tra i grandi problemi che la comunità internazionale deve affrontare per un futuro umano e sostenibile e che rende indipendente il singolo ad agire per innescare un cambiamento, attraverso relazione di cooperazione e scambio culturale

    Continua a leggere
  • Image
    Campagna televisiva ENGIM Veneto

    ENGIM Veneto, il nuovo spot tv degli Istituti professionali racconta una scuola straordinaria Approfondimento Parte la nuova campagna di comunicazione di ENGIM Veneto. Da dall’8 al 31 gennaio 2019 è andato in onda nelle principali reti televisive locali il nuovo spot televisivo che vede i diversi Istituti protagonisti. Suggestive le inquadrature delle scuole del Veneto, dei ragazzi, dei laboratori didattici e dell’esperienza di vivere la scuola come momento di socializzazione e apprendimento. Obiettivo della campagna è rilanciare i corsi professionali co una scuola che unisce il sapere con il saper fare, vero valore aggiunto di questa offerta formativa. Il claim scelto è: “ENGIM Veneto. Tutto quello che vorrai essere inizia QUI”, un’affascinante narrazione del mondo della scuola come ipotesi di futuro per i nostri giovani. Una fatica - quello dello studio - che viene ricompensata dalla possibilità di inseguire un sogno raggiungibile, da realizzare nel proprio territorio di origine. L’iniziativa si inserisce nel nuovo percorso di comunicazione integrato finalizzato al rilancio dell’identità ENGIM Veneto, con una nuova linfa più moderna e maggiormente contestualizzata al target di riferimento dei ragazzi e delle loro famiglie. Guarda lo spot ENGIM Veneto su YouTube

    Continua a leggere
  • Image
    7 soft skills per trovare lavoro: le attitudini personali come valore aggiunto

    Nella ricerca del lavoro, le soft skill acquistano sempre maggior importanza perchè riguardano tutte le “competenze trasversali”, le doti personali che raggruppano le relazioni interpersonali e il modo in cui confrontarsi nei diversi ambiti, quello lavorativo in primis. Approfondimento Le soft skills non si imparano, dunque, ma l’attività formativa deve e può aiutare a sviluppare queste abilità Soft-skills: quali sono le più richieste? Il report SKILLA 2018 evidenzia 7 principali soft-skill richieste dalle aziende: COLLABORATIVE PROBLEM SOLVING: Il problem solving collaborativo riguarda persone che lavorano in team e riguarda le abilità necessarie per la ricerca di una soluzione ad un problema. Sono gruppi che condividono un problema/impegno comune e, condividendo metodi di lavoro, esperienze e competenze, concorrono insieme alla risoluzione dei problemi LEARNING TO LEARN: 'Imparare a imparare’ o “continuare ad imparare” è la capacità di perseguire e persistere nell'apprendimento, acquisendo, elaborando e assimilando nuove conoscenze e abilità.  DIGITAL COMPETENCIES AND MINDSET: non si tratta di conoscere i programmi o le competenze digitali attuali, ma sviluppare una nuova forma mentis orientata alle trasformazioni future, che conosce le odierne tecnologie ma soprattutto che comprende le veloci trasformazioni digitali RESILIENCE: la resilienza è la capacità di affrontare e superare un periodo di difficoltà senza interferire con la produttività. Indispensabile nel mondo del lavoro, la flessibilità emotiva - la resilienza appunto - aiuta ad affrontare situazioni insolite assumendo comportamenti diversi in base al cambio delle regole o del tipo di compito da svolgere CULTURAL AWARENESS AND EXPRESSION: la consapevolezza culturale ed espressiva riguarda l’apprezzamento dell’espressione creativa di arte, idee ed emozioni. Comprende la consapevolezza del patrimonio culturale, artistico e musicale: questo rafforza il proprio senso di consapevolezza del sè nel confronti dell’altro, con un atteggiamento positivo e di apertura nei confronti delle diversità ADAPTABILITY: si tratta della capacità di adattarsi con facilità alle novità e i cambiamenti INIZIATIVE E INDIPENDENT THINKING: si riferisce allo spirito critico e alla padronanza di sviluppare un pensiero indipendente che promuova soluzioni ai problemi tenendo in considerazione il contesto in cui è inserito. Permette di non accontentarsi della prima soluzione, ma cercare, verificare e capire punti di vista diversi fino a giungere teoricamente ad una sintesi equilibrata Le soft skills si possono apprendere o migliorare? Non è necessario possedere tutte le soft-skill perchè molte di esse potranno essere acquisite nel corso della propria vita attraverso le esperienze lavorative e personali che ci si trova ad affrontare.

    Continua a leggere

Progetti

Attività e buone pratiche da realizzare in modo consapevole ed autonomo.

Almanacco

Focus, presentazione di attività pratiche e metodologie da poter attuare. Momenti di approfondimento in cui analizzare le criticità per sviluppare un confronto condiviso per strategie funzionali ed efficaci.


Restiamo in contatto

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti gli aggiornamenti di Centro Risorse, il luogo in cui prendono vita i percorsi di formazione e i progetti di cooperazione internazionale ENGIM.

Accetto i termini e condizioni e la privacy leggi di più *

Protagonisti di oggi per ideare il domani